lunedì 28 marzo 2011

Bolla 65 ... Disintossicazione ...

Giuro, devo provare a smettere o la casa sarà invasa e anche il Lungobascio insorgerà.
Devo smettere di fare gufetti...

venerdì 25 marzo 2011

Bolla 64 ... This moment ...

 
 
{this moment} - 
A Friday ritual. A single photo - no words - capturing a moment from the week. A simple, special, extraordinary moment. 
A moment I want to pause, savor and remember.

lunedì 21 marzo 2011

Bolla 63 ... per non pensare troppo ...


Sono agitata e nervosa. E non so come mai.
Ho passato un ponte - fine settimana delizioso. Fatto di piccole sorprese, di macchina da cucire, di giri per mercatini e di passeggiate col LungoBascio e l'OrsoMarso.
Mi sono riscoperta un pò felice e un pò più carina di come mi ero lasciata qualche tempo fa. Oggi mi sono anche messa il rossetto...mi sa che era almeno un anno che non lo facevo...ho preparato i vestiti per l'ufficio già da ieri sera, sono tornata a lavoro carica e felice.
E a quanto pare si vedeva.
Ma.
Ma succede sempre la stessa cosa. Che sia una telefonata, una chat, un'osservazione banale.
Ci ricasco.
E mi ritrovo alla macchina da cucire, come questo pomeriggio. Piedi e mani immobili e sguardo fuori dalla finestra, a notare magliette stese, vicine vicine con su scritto ILove NYC.
E una sensazione addosso che vorrei lavare via.
Sono passati sei mesi. 
Sei mesi in cui credo di aver grattato il fondo e di essere riemersa.
Ma allora perché mi sento così?
Ho letto che anche se uno non ci pensa il corpo ricorda e succede che nelle date che ricordano certi "anniversari" l'umore cambi.
Il mio oggi è bellamente andato giù. Staziona nel vano ascensore, al piano terra. E mentre guardo quelle cavolo di magliette dal 4° piano mi chiedo e mi richiedo. Perché?
E mugugno insoddisfatta.
Ho preparato un Gufotto per mia sorella, speriamo le piaccia.
Ho messo in lavatrice un giacchino con accendino in tasca. E lo sento rotolare di là dall'oblò.
L'OrsoMarso si è messo a dieta.
Il LungoBascio ieri pomeriggio al parco ha incontrato una LungoBascia...uno scaldabagno con le zampe...anyway...
Riesco a guardare da una certa distanza ciò che mi ha fatto stare male e gli errori che ho commesso.
Ho infine terminato il mio angolo da cucito. L'armadio, la lampada, il tappeto.
Niente, non riesco a tirarmi completamente su.


E mi rode, oh come mi rode.

mercoledì 16 marzo 2011

Bolla 61 ... Quando le mani lavorano il cuore è sereno ...

Sono andata a recuperare il povero LungoBascio dal vet. Oggi gli hanno tolto una zanna e lui, poffero, è ancora strafatto e piuttosto malinconico. Aspettando che si riprenda del tutto e dopo averlo spupazzato per un'ora ho deciso che bisognava dare un senso a questo pomeriggio di pioggia scrosciante e uggiosa.
Cementite e pennello alla mano mi son data da fare per sistemare il mio angolino. Sì perché da quando Moira è arrivata mi muovo itinerante con macchina da cucire a seguito per tutta la casa, cercando punti luminosi o cercando un luogo in cui la sedia su cui sto non mi sfugga da sotto al sedere mentre pedalo a manetta. L'origine dei miei ultimi maldischiena è qui infatti, nell'impossibilità di trovare un luogo in cui macchina da cucire e sedia non vadano ognuna in direzione opposta all'altra.

Anyway, urgeva trovare il luogo e ci siamo, mi sono ricavata un angoletto di circa un metro quadro fra il muro e l'armadio. Urgeva trovare un punto luce. E  questo pomeriggio mi son data da fare costruendo una bellissima lampada da terra che mi permetterà di illuminare il mio angolo. Fra poco appena sarà ultimata posterò le foto, è una ben strana lampada, ma ne vado fiera. E' fatta in modo da potersi richiudere e non occupare troppo spazio. Sarà verde e bianca e se viene come dico io è davvero fichissima. Poi avevo necessità di un luogo dove riporre fili e stoffe e scampoli etc. e a questo punto ho sfoderato la porchissima vena creativa. Avevo comprato un mobile di seconda mano a una stupidaggine, era di un colore improponibile, ma con una mano di cementite e gli smalti lo renderò lo scrigno della mia creatività.

ecco la foto dei miei work in progress e un'idea di come sarà la lampada.
Stay tuned per sapere come andrà a finire quest'avventura di fai da te secondo ilPescetto.

Bollicina operosa...

POSCRITTO: sono andata avanti con la mia lampada...ho fatto una prova
e quel che ho visto non mi dispiace affatto!!!

domenica 13 marzo 2011

Bolla 60 ... Orgogliosa ...

Una vecchia giacca di camoscio verde, le stoffe bellissime acquistate a PortaPortese due domeniche fa, un pò di tempo a disposizione et voilà.
La mia prima vera creazione, della quale vado porcellosamente orgogliosa.
Bravissima me!

sabato 12 marzo 2011

Bolla 59 ... Bonjour

"Si può pensare che le manifestazioni non servano, che non serva mobilitarsi, perché manifestare, protestare sono altra cosa rispetto alla politica". Ma "si tratta di immaginarci da qui a venti, trent'anni, e di immaginare quale Italia vorremo raccontare ai nostri figli e ai nostri nipoti, e di pensare a che cosa risponderemo quando ci verrà chiesto "tu dov'eri?", "che cosa facevi?".

martedì 8 marzo 2011

Bolla 5OttO Marzo ...

 otto marzo duemilaundici



E ssentevo quanno ero figliola, ‘o cchiammavano ammore
chellu fuoco ca te nasce mpietto e ca maje se ne more
‘e ccumpagne parlavano zitto ‘e na cosa scurnosa
ca na femmena ‘a fa sulamente ‘o mumento ca sposa

e pure si sposa nun songo stata maje
saccio comme volle ‘o sanghe e ‘o core sbatte forte assaje
quanno ‘a voce d’a passione chiamma a te
quanno zitto int’ ‘a na recchia tu te siente ‘e murmulià

nun te scurda’ nun te scurda’
nun te scurda’ pecchè sta vita se ne va
nun te scurda’, maje ‘e te

nun te scurda’ nun te scurda’
nun t’ ’o scurda’ pecchè si no che campe a fa’
nun te scurda’ ‘e te maje
e tanto ’e llammore ca ’a sciorta m’a miso int’ ’e mmane
ca ‘o vvengo e ‘a ggente pe’ chesto me chiamma puttana
nun’aggio maje saputo sta’ carcerata int’ ‘a casa

a chi me schifa dico vuo’ vede’
ca ‘o cuorpo tu t’ ‘o vinne comme a me
nun me suppuorte e chest’ ‘o ssaccio già
i’ songo ‘o specchio addÙ nun te vulisse maje guarda’

nun te scurda’ nun te scurda’
nun te scurda’ pecchè sta vita se ne va
nunte scurda’, maje ‘e te

nun te scurda’ nun te scurda’
nun t’ ’o scurda’ pecchè si no che campe a fa’
nun te scurda’ ‘e te, maje.

mamma, puttana o brutta copia ’e n’ommo
chest’È na femmena int’ ‘a chesta parte ‘e munno
ca quanno nasce a cchesto È destinata
e si ‘a cummanna ‘o core d’ ‘a ggente È cundannata.

mamma, puttana o brutta copia ‘e n’ommo
avesse voluto ‘e cchiù int’ ‘a chesta parte ‘e munno
apprezzata no p’ ‘e mascule sgravate no p’ ‘e chisto
cuorpo bello no p’ ‘e mazzate che aggio dato
sulamente pecchè femmena so’ stata
e n
nu catenaccio ‘o core nun me l’aggio maje nzerrato
sulamente pecchè femmena so’ stata
sulamente femmena...

nun te scurda’ nun te scurda’
nun te scurda’ pecchè sta vita se ne va
nun te scurda’, maje ‘e te

nun te scurda’ nun te scurda’
nun t’ ’o scurda’ pecchè si no che campe a fa’
nun te scurda’ ‘e te, maje. 


Nun te scurdà - Almamegretta

Bolla 57 ... Say hello!

Sono felice e contenta!
So, still love Moira, my new sewing machine and this "creative me" whitch is finally coming out!
Next time, a beautiful, softie, badsmelling LongBasset!

domenica 6 marzo 2011

Bolla 56 ... Boriss ...

Oggi la Piccola se n'è andata.
Ha deciso che 8 anni per un porcellino d'india erano davvero troppi ed è migrata di là dall'arcobaleno. A pealre prati di lattughe e a svagarsi fra cespugli di pummarole.
La perosaura.
La culottera.
La Tripode.
8 anni insieme per case diverse, a rosicchiare cavi in giovane età. A far saltare i salvavita. A ficcarsi dietro il frigo. A buttarsi nella tazza del cesso. A farsi amputare una zampa. A tirare le puzzette più imbarazzanti. A sbadigliare selvaggiamente se la si accarezzava troppo. A starnutire come i pupazzetti che quando li schiaccia fanno "Pugneee". A chiamare a squarciagola come una perenne morta di fame. A capottare causa assenza di una zampa. A ... insieme. Insieme.
Oggi è nato questo, abbiamo deciso di chiamarlo come lei Boriss. 
Qualcuno che arriva. Qualcuno che va via. Si addormenta e si risveglia al di là dell'arcobaleno. 
E guardacaso...il nuovo Boriss è venuto bello culone come la Piccola.

sabato 5 marzo 2011

Bolla 55 ... BONJOUR!


Oggi comincio la prima rubrica del Pescetto.
Il titolo è "Miroir de nos jours", ovvero quello che mi fa pensare di essere solo una gocccia nell'oceano ma una goccia importante, che può contribuire a cambiare le cose.

Nei giorni scorsi il Giurì per l'autodisciplina pubblicitaria ha deciso di bloccate lo spot promosso dal Forum per il nucleare diffuso dalle nostre reti televisive.
Ritenendolo ingannevole.
Il responsabile della campagna Nucleare di Greenpeace chiede che venga trasmesso anche il loro spot per avere un vero equilibrio nella discussione sul ritorno del nucleare in Italia soprattutto alla luce del fatto che si teme che verrà applicata la strategia del silenzio, per evitare di far sapere che tra qualche mese si svolgerà un referendum anche sul nucleare.

venerdì 4 marzo 2011

Bolla 54 This moment

{this moment} - 
A Friday ritual. A single photo - no words - capturing a moment from the week. A simple, special, extraordinary moment. 
A moment I want to pause, savor and remember.

giovedì 3 marzo 2011

Bolla 53 ... ZEN vero ...

In questo periodo mi scopro brava a trattenermi.
Devo migliorare però, perché a trattenere uno esplode e si fa male dentro ad assorbire lo schifo che dall'esterno cerca di infiltrarsi.
Quindi comincerò, seriamente a farmi scivolare addosso certe uscite. Ma non le lascerò senza risposta.
Penso alle persone che da mesi a questa parte mi hanno fatto ribollire il sangue nelle vene.
L'aver abortito (o perso il bambino che aspettavo, o non aver capito granché di quello che vivevo, o l'essere stata preda degli ormoni per oltre due mesi, diciamolo in un qualsiasi modo modo ma diciamolo...) insomma, dicevo, l'aver abortito mi ha fatto ricominciare a guardare agli altri con attenzione.
Ne avevo fatto il mio lavoro prima, ascoltare gli altri, lavorare pensando alle loro necessità. Questa cosa al tempo mi aveva svuotata. Mi ci sono voluti quasi 3 anni per ritirarmi su e ricominciare a dare.
Mi ci son voluti solo gli ultimi sei mesi, su 32 anni di vita, per rendermi conto che dietro ai visi e alle parole di tante persone che offrono il proprio aiuto c'è solo un interesse al guadagno.
Sono, come dire...sanguisughe affamate.
Perdere il bambino, scoprire in quel momento che era una cosa bella, soffrire per averla persa mi ha riportato indietro dal mondo mentale di Pollyanna nel quale son cresciuta.
Perché sono una persona buona.
Se devo elencare il male che ho fatto o che mi è stato detto di aver fatto...beh è poco. cazzo.
Quindi non mi merito il male che arriva dall'esterno e mi manca totalmente e menomale quello spirito cristiano di certe persone che si annullano nel sacrificio ma che in realtà si organizzano la vita sulla pelle, le pance, il malessere altrui.
Dopo aver perso il bambino scopro di non poter rinunciare ad una sana boccata d'aria.
non l'aria che vorrebbero costringermi a respirare in città. L'ARIA vera, pura. Fremo per allontanarmi dalla città.
Dopo aver perso il bambino scopro di poter scegliere a quali compromessi scendere. Perché è stato accettare troppi compromessi che potrebbe essere stata una delle cause dell'aborto. (sai quelle cose tipo stress alle stelle, pensare che abbia ragione chi fa del lavoro una religione, chi ti dice che non è pronto e tu ti dici che devi rispettare te stessa e lui e credi che abbia ragione quando dice che non possiamo permettercelo...)
Dopo aver perso il bambino scopro che ci son cose che è il caso di dire ad esempio ad un "collega" volontario. Col sorriso, ma vanno dette.
Dopo aver perso il bambino ho capito di essere un vero essere umano, non una macchina da guerra.
In questi mesi ho fatto pace con le mie debolezze. Le ho inquadrate. Non mi serve camuffarle. E soprattutto ho scoperto QUALI siano queste debolezze. E ora ho un'arma in più per affrontare quello che mi circonda. Mi conosco.
E scoprendo tutte queste cose ho capito anche cosa mi fa stare davvero bene.
Non cose come credere che qualsiasi cosa fai in vita "ego te absolvo" e ciccia e buonanotte ma cose che ti fanno prendere piena responsabilità del luogo dove vivi.
Cose come questa, che ti alzi una mattina e scopri con stupore.
E mi sento di dire alla tipa del gruppo di auto aiuto che sarebbe proprio il caso di farsi un esamino di coscienza. Al mio collega dico chiaramente che minacciare qualcuno è un reato. Col sorriso glielo dico. Ma glielo dico.
Al mio uomo dico che deve smettere di pensare che per crescere ci vogliano soldi.
A mia madre dico che so che si può sbagliare, che mi importa se mi ha fatto negli anni quello che ha fatto ad una bambina prima e a una ragazzina poi e ad una donna adesso, ma che non è possibile che non ci si parli da più di un anno.
A mia nonna dico che vorrei che fosse ancora qui a chiamarmi sa pippia e a dirmi che mi vuole bene, ma che so che cosa ha creato con il suo egoismo.
All'altra nonna dico che anche se il suo cervello non funziona più domani vorrei essere con lei e che non è l'aver litigato con mia madre che mi tiene lontana da lei. Sono io che non me la sento di vederla così. Lo ammetto. Ho paura.
A mio padre dico quasi mille altre cose e così a mia sorella.
Ma sopra ogni cosa so che anche se dico loro queste cose tutte queste persone hanno fatto parte del mio cambiamento in meglio.
Quello che vivo adesso. Ogni giorno.

mercoledì 2 marzo 2011

Bolla 51 ... Riassumendo...


...se mentre sei qui davanti al PC e l'OrsoMarso è accanto su un altro pc; se fuori il diluvio ti fa pentire di non aver prestato sufficiente attenzione alle teorie di Voyager che ti spiegano come poteva essere stata costruita l'arca di Noè; se cammini per strada e accanto a te si sollevano onde anomale di 3 metri e un attimo prima avevi sentito il rumore di un auto in avvicinamento; se ti giri e sul divano alle tue spalle vedi questo:

Vuol dire che nell'ultimo periodo hai lasciato a se stesse un pò di cosine che avresti dovuto invece tenere in considerazione.

In effetti ilPescetto ultimamente si è un pò lasciata andare, ma ciò non significa che non abbia combinato nulla.
Semplicemente mi son data al fancazzismo più puro, quello che ti permette di godere delle giornate e di fregartene se fuori diluvia ma che ti fa correre ai ripari quando vedi che accanto alla coda ritratta poco fa c'è una colonia di peli canini che se li metto tutti insieme esce un nuovo LungoBascio.

Facazzism pushed all'ennesima potenza, dunque, che permette di non pensare alla bile che sgorga guardando i TG, al vecchioImbecills che ci governa che non è il signoresulcolle ma quello che paga le ragazzine, al fatto che la biancheria si accumula e che in casa c'è una sola stanza in ordine e che il LungoBascio ha deciso che è sua...

Notizioni questa settimana!!!!Begli incontri!!!Piccole cose che mi hanno fatto scaldare il cuore e fare mille nuovi progetti.
Per prima cosa EVVIVA IL 5 PER MILLE!!!!
Che ha superato le più rosee aspettative della mia colonia di vecchietti.
Per secondo, mesdames et messieurs, veuillez gouter (non possiedo il circonflesso pardon) dei meravigliosi locali per attività di formazione in pasticceria, estetica e decorazione del ferro per giovani donne in situazione di difficoltà di una popolosa periferia di un tranquillo paese nordafricano, ceduti per i prossimi 20 mesi a titolo gratuito e sottolineo gratuito al nostro progetto dalla Camera dell'artigianato di quella città.
Dulcis in fundo, il dessert!!!!


Fra poco avrò finalmente realizzato un altro dei miei piccoli sogni: la macchina da cucire!!!
La SuperNonnaInAzione dell'OrsoMarso mi regala una macchina da cucire nuova di pacca, praticamente mai usata che usava come mobiletto portafiori. Un gioiellino degli anni 60 completo di tutto, incluso, dettaglio non trascurabile il manuale delle istruzioni!!!
Non vedo l'ora di andarla a prendere e di mettermi all'opera!

La mamma dell'OrsoMArso, reduce da una due giorni sulle Sorelle Fontana, già mi vede proiettata in un universo di cartamodelli e di gessetti, fili colorati e pedali a tuttandare.
Io so che ci passerò del tempo lì davanti, davanti al nuovo angolino che ricaverò in camera da letto, a creare finalmente. A sfogare la fantasia e a dare forma alle idee.
Sono proprio felice!
E poi rifletto su un piano d'azione che mi permetta di avere piccole entrate extra che servirebbero, ohhh se servirebbero dato che il freelance qui accanto ed io non guadagnamo abbastanza per riuscire a mettere da parte uno spillo.

Ho poi fatto una cosina che stasera andrà ad abbellire...spero...la parete del meraviglioso cesso azzurro dell'amica Rose. Spero che le piaccia, a me nella sua semplicità da la sensazione di un piccolo vezzo, una cosina carina che racchiude in sè il ricordo di un viaggio in un luogo freddissimo che è piaciuto ad entrambe moltissimo, l'idea che ogni cosa che possiedi può essere interpretata e nel nostro lavoro non è cosa da poco, il pensiero che ho pensato a lei mentre lo preparavo.
L'OrsoMarso propone diversi, uteriori usi, ma è un problema di materiali e di reperibilità degli stessi...ma ci ragionerò meglio, nel frattempo il risultato è questo:
 'nzomma dopo le botte alle ginocchia ricevute da settembre a poco fa un minuto di serenità. Non ho aspettative di lunga durata. Ma è sufficiente a tirare il fiato per pochi attimi. 

E poi ho passato un pomeriggio delizioso con la ragazza a cui facevo da tutor durante il suo servizio civile nella vecchia associazione. Ed è stato bello a distanza di due anni rivedersi e sapere di aver fatto un buon lavoro.
Rivedere con lei come era prima la mia vita lavorativa e come sia diventata ora.

E ancora, sapere che il 12 in Piazza ci sarò anche io con il LungoBascio e con l'OrsoMarso a manifestare perché l'Imbecills tenga giù le due mafiose zampacce dalla nostra Costituzione.

E sentirsi confortati all'idea che fra poco sarò pronta ad andare a vedere il piccolo Antonio, figlio di Clau, che è nato proprio quando io scivolavo in basso. Ma ora va meglio e posso farcela. Almeno per la mia amica che mi sa che sta scivolando nelle pieghe del BabyBlues. Le porterò il libro di Wonder e il primo straordinario prodotto di Moira (nome piuttosto porno affibbiato alla macchina da cucire dall'OrsoM.)di cui posterò la foto l'avrò realizzato.

E poi aspettare l'AmicaCiò, fiore dei fiori dell'amicizia. Sorella di cuore che verrà a trovarci col ConsorteMetallaro fra qualche giorno.

E io non vedo l'ora!!!!